Metti questa pagina nei preferiti
Salva icona sul telefono

Terapia preventiva dell’ictus

Battito e ritmo cardiaci irregolari, tipici della FA, possono aumentare il rischio della formazione di coaguli, innescando ictus e altri episodi cardiovascolari.

Gli anticoagulanti tipicamente impiegati per evitare coaguli nella terapia di prevenzione dell’ictus comprendono:

  • Antagonisti della vitamina K (es. warfarin)
  • Nuovi anticoagulanti orali (NOAC)
    • Inibitori diretti della trombina (es. dabigratran)
    • Inibitori del fattore Xa (es. apixaban; edoxaban and rivaroxaban)

Antagonisti della vitamina K (VKA)

Da oltre 50 anni, i VKA come la warfarina sono impiegati in molti pazienti in tutto il mondo con risultati positivi. Questo rende i VKA tradizionalmente la scelta primaria nelle cure preventive dell’ictus.1 Tuttavia il loro uso richiede controlli frequenti e correzione dei dosaggi, soprattutto per valutare il rischio di emorragie. Questo può portare a risultati non ottimali.1

NOAC

I NOAC rientrano in una nuova classe di anticoagulanti che di recente sono diventati disponibili per pazienti con FA. Il loro uso sta rapidamente aumentando con benefici come prevedibilità di insorgenza e scomparsa senza bisogno di controlli regolari della coagulazione, aumentando così la loro attrattiva nella pratica clinica.1